joomla templates

BaiaMalva Resort

Baiamalva Resort - Dintorni di Punta Prosciutto

Lo specchio d'acqua

I fondali del mare di Porto Cesareo sono tra i più interessanti della penisola, l’Area Marina Protetta è popolata la una flora e fauna subacquea varia ed una ricca testimonianza è presente nelle pescherie del piccolo centro.
Basta una maschera subacquea per incontrare praterie di poseidonia, fondamentale per la salute del mare, tra le sue lunghe volute sono visibili cozze pinna, cavallucci marini, spirografi e pesci colorati.

Le grotte al largo di Torre Lapillo illuminate da piccole aperture offrono alla vista dei visitatori sgargianti spugne gialle, rosse, viola e bianche. Più giù verso i 20 - 30 metri ci si può imbattere in un vero giardino di spugne a candelabro di dimensioni eccezionali.
Nell’area della “Strea” a non più di 3 metri in un’ambiente biologico subtropicale, sono presenti le spugne a cervello o Geodia. La stazione di Biologia Marina di Porto Cesareo ne ospita un esemplare di 15 litri.
L’incantevole mare custodisce una gran quantità di testimonianze storiche, ne sono un esempio le colonne in marmo cipollino del II secolo d.c. che giacciono a sei metri di profondità nell’area di Torre Chianca, ed ancora anfore integre e tantissimi frammenti tanto da dare il nome di “Puertu pignatu” (porto dei cocci) ad una delle insenature dell’isola grande, inoltre la statua di un antico dio egizio ripescata dalle reti negli anni trenta ed ora esposta al Museo Nazionale della Magna Grecia di Taranto.